Post-puntata del 5 aprile 2018

Post-puntata del 5 aprile 2018 #89: TERZO TEMPO

Terzo Tempo: il post puntata del 5 aprile 2018

Il post-puntata del 5 aprile 2018  si apre subito con una notizia riguardante il sassofonista protagonista di questa puntata: Kamasi Washington.

Il sassofonista afro-americano ha pubblicato sul suo sito ufficiale, e su tutti i canali social ove è presente con profili ufficiali, un breve video di pochissimi secondi in cui lascia intendere che ci sia una nuova pubblicazione discografica in dirittura d’arrivo. Zero i dettagli che trapelano. Appena abbiamo novità in merito le segnaleremo a tutti.

T'incuriosisce leggere la presentazione della puntata?

Prima di entrare nel classico schema di TERZO TEMPO, cogliamo l’occasione per farvi notare il nuovo servizio gratuito che stiamo sperimentando con il nostro host provider, Altervista: Notifiche push. Cliccando su questo tasto potete attivarle per alcune delle nostre rubriche.


[push_notification_signin]  

  1. Il podcast
  2. La lista dei brani proposti
  3. Il mini commento su alcuni album
  4. Il commento alla TOP JAZZ ALBUM

Il podcast

Ecco il player settimanale, automatico da pc, per l’ascolto del podcast. Buon Ascolto!

La Playlist

TitoloArtista/GruppoAlbum
Hydraulics – LiveMike CaseyThe Sound of Surprise: Live at The Side Door
uKendrick LamarTo Pimp A Butterfly
ObamanomicsRyan PorterThe Optimist
CornerstoneTrevor Lawrence Jr., Kamasi Washington, Nico Segal, Terrace MartinRelationships
Dear Jimi – LiveTerence Blanchard, The E-CollectiveDear Jimi (Live)
Like SundayGino GiovannelliOverwhelmed
Bruco melaGlutenfree TrioFarina del mio sacco
Blues for ClaudeEnrico Pieranunzi, André Ceccarelli, Diego ImbertMonsieur Claude (A Travel with Claude Debussy)
To Each His DulcineaEliane EliasTo Each His Dulcinea
It Takes a Lot to Laugh, It Takes a Train to CryWynton Marsalis Septet, Bob Dylan, Wynton MarsalisUnited We Swing: Best of the Jazz at Lincoln Center Galas

Nella playlist della puntata

Ci piace segnalare ed evidenziare:

(alcuni album che potete ascoltare cliccando sulla loro cover grafica)

Gino Giovannelli - Overwhelmed (Dodicilune - 2018)

Il booklet di questo disco riporta le recensioni e presentazioni di un quartetto di pianisti e musicisti jazz italiani molto apprezzati: Juan Oliver Mazzariello, Domenico Sanna, Roberto Tarenzi e Andrea Rea. E noi cosa possiamo aggiungere o scrivere ancora?

La tentazione di rispondere allo stesso modo di Troisi, quando fù intervistato dopo lo scudetto del Napoli, è forte, ma ci proviamo.

Giovannelli è un pianista ed è il compositore di tutti i brani del suo disco.Otto composizioni inedite ma ufficialmente rilasciate al pubblico il 25 marzo scorso ed incluse in un album intitolato Overwhelmed.

Le tracce sono piacevoli melodie arricchite da assoli a tratti insoliti e complessi, ma mai inascoltabili. In essi troviamo sensazioni che riportano a musiche classiche, a sottofondi musicali del miglior cantautorato italiano e composizioni con linguaggi musicali propri di un jazzista apparentemente statunitense.

Altrettanto bravi i 4 che affiancano Giovannelli al piano. Luigi Di Nunzio – saxophone; Marcello Giannini – guitar; Umberto Lepore – double bass e Salvatore Rainone – drums;  tutti del napoletano.     

Gluten Free Trio - Farina del mio sacco (Dodicilune - 2018)

L’album s’intitola Farina del mio sacco ed oltre ad indicare l’originalità dei singoli brani gioca anche, in senso buono, sulla necessità di tanti di vivere una vita senza glutine. Il disco è composto e suonato da un gruppo che si chiama “Glutenfree Trio” e contiene titoli come Michey Mais, Arabiasaurita, o Bruco Mela.

Aggiungiamo alla presentazione che la loro è una musica altrettanto ironica e vivace, come i loro titoli. Essa spazia, a differenza di Giovannelli, su  ambiti musicali riconducibili maggiormente al blues, al rock e al funk, senza tralasciare melodie del nostro patrimonio mediterraneo. Insomma un groove ben costruito.

I Gluten Free Trio sono: Davide Di Camillo – electric bass; Christian Mascetta – electric guitar; Andrea Giovannoli – drums e Mattia Feliciani – sassofonista ma ospite in questo disco su 4 degli 8 brani.

Enrico Pieranunzi, André Ceccarelli, Diego Imbert - Monsieur Claude (A travel with Claude Debussy) - (Bonsai - 2018)

L'accoppiata di nomi Enrico Pieranunzi e Claude Debussy non necessità di presentazioni, almeno lo speriamo.

Enrico Pieranunzi, uno dei pianisti più bravi del panorama jazzistico italiano è anche un ottimo compositore. Per questa occasione sceglie, invece, di comporre e reinterpretare le musiche di uno dei migliori compositori classici di fine ‘800, primi del ‘900: Claude Debussy.

Il disco viene pubblicato in occasione del centenario dalla scomparsa di Debussy. Contiene 11 brani composti principalmente da Enrico Pieranunzi a partire da varie opere importanti di Claude Debussy come Valse Romantique, Ballade, La fille aux cheveux de lins che diventano rispettivamente Bluemantique, L’autre ballade et Cheveux. Le composizioni sono delicate testimonianze di ammirazione e rispetto verso il compositore francese.

Jazz e classica, grazie a Debussy, si sono spesso incrociati, ora ancor di più grazie a Pieranunzi ma anche ai suoi collaboratori ugualmente innamorati di Debussy: André Ceccarelli alla batteria e Diego Imbert al contrabbasso. In alcuni brani troviamo anche David El Maleksassofonista, e la cantante Simona Severini.  

Mike Casey - The sound of surprise (Live at the side door) - (Selfmade -2017)

Un fugace accenno a questo album di un giovane sassofonista statunitense. Mike Casey l'abbiamo scoperto tramite il social network di Instagram (voi ci seguite?) e grazie ad esso abbiamo ascoltato la sua musica.

In realtà, al momento, la sua musica è solo questo album. E’ un disco di 7 tracce registrate durante i suoi tanti concerti in giro per la costa occidentale degli States. Il giusto connubio tra un concerto dal vivo ed una registrazione in studio, per quanto riguarda il jazz. 

Il disco è auto-prodotto e già solo questo motivo ci spinge ad ascoltarlo. Noi lo consigliamo anche per il suo discreto livello qualitativo. 

Mike Casey stà raccogliendo fondi  e pre-ordini, tramite la piattaforma di Patreon, per rilasciare, quanto prima, il suo nuovo disco. Restate con noi per gli aggiornamenti.  

Uno sguardo alla TOP JAZZ ALBUM della settimana

Ecco il momento in cui diamo una sbirciatina alla nostra TOP JAZZ ALBUM. La particolare classifica dei dieci album (solo album) che proponiamo per l’ascolto con cadenza settimanale e senza presunzione di sorta o di competizione tra gli artisti. I dieci album che, nel periodo, riteniamo meritevoli di particolare attenzione, senza demerito per gli esclusi, e che potete liberamente usufruire grazie alla loro presenza sulle principali piattaforme di streaming on-line.  

Sinteticamente le novità di questa settimana:

  1. dopo qualche settimana di predominio al numero 1, da parte di Ryan Porter, Pieranunzi e il suo trio diventano il gruppo che maggiormente suggeriamo per l’ascolto;
  2. Incalza subito, la magnifica musica di Pieranunzi/Debussy, il quarteto vocale dei Manhattan Transfer con The Junction e che entra direttamente al secondo posto.
  3. Evidenziamo, però, anche due nuovi ingressi: il trio italiano dei Gluten Free e il più noto Larry Carlton che reinterpreta le composizioni jazzistiche del Re jazz:  H.M. Bhumibol Adulyadej.

Non vi preoccupate tanto, in questi giorni, per la formazione del nuovo governo italiano. Loro il pranzo a tavola c’è l’hanno e se lo sanno dividere, non lo lasceranno … marcire. Noi preoccupiamoci di smaltire gli eccessi del periodo pasquale e di godere di quello che ci offre la vita, anche della bella musica che vi propone Jazz in Family. 

Attivate le notifiche per il prossimo appuntamento di TERZO TEMPO e non mancate di esserci. Bye, bye!!!

Post-puntata del 5 aprile 2018

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WordPress Anti Spam by WP-SpamShield